“The Erratics” di Darren Harvey-Regan, in mostra a Pisa

Darren Harvey-Regan, dal 18 aprile al 27 giugno, nella mostra personale dal titolo “The Erratics” espone, alla Galleria Passaggi di Pisa diretta da Silvana Vassallo, due serie di lavori inediti al confine tra fotografia e scultura. La mostra è la prima personale in Italia del giovane Artista inglese.

Darren Harvey-Regan (Exeter, 1976) vive e lavora a Londra dove si è laureato al Royal College of Art. Nel giro di pochi anni ha conquistato l’attenzione di pubblico e critica e le sue opere sono entrate a far parte di collezioni internazionali, inclusa la collezione permanente del Victoria and Albert Museum di Londra.

Il nucleo dell’esposizione è costituito da due serie di opere fotografiche. La serie The Erratics (exposure) ha per oggetto monoliti gessosi del deserto occidentale dell’Egitto, erosi dalla sabbia e dal vento. Nella serie The Erratics (wrest) le fotografie ritraggono sculture realizzate dall’Artista utilizzando massi di gesso raccolti lungo la costa meridionale dell’Inghilterra. «Erratic – fa notare Harvey-Regan – è un termine che deriva dal latino ‘errare’, i cui significati comprendono ‘vagare senza meta’ e ‘deviare dal vero’. Sono suggestioni che indirettamente si riferiscono alla fase di impasse creativa che lo ha motivato a sviluppare questo progetto».

Ispirato dal celebre saggio di Wilhelm Worringer dal titolo “Astrazione e empatia” (1906), Harvey-Regan ha sentito il bisogno di confrontarsi con la dimensione astratta, distillando linee forme e colori dal caos fenomenico che lo stava condizionando. La necessità di distaccarsi, attraverso un procedimento selettivo, si è tradotta in un’esperienza erratica: in geologia il termine erratics (erratiche) indica, infatti, quelle rocce trasportate a fondovalle da un ghiacciaio. Una volta che il ghiaccio si è ritirato, queste grandi formazioni rocciose, lontane dal loro luogo di origine, si trovano a occupare un’insolita posizione in mezzo alla pianura.

Darren Harvey-Regan, The Erratics (exposure 4)

Darren Harvey-Regan, The Erratics (exposure #4), 2015, stampa su carta baritata, 75x60cm. Courtesy the artist and Galleria Passaggi, Pisa

Per rompere lo stallo e soddisfare il bisogno di relazione e di contatto diretto con le forme naturali, l’Artista si è recato in Egitto, dove ha realizzato le fotografie dei monoliti. Queste immagini, che compongono la serie The Erratics (exposure), sono divenute, poi, rivelatrici. Hanno stimolato Harvey-Regan a realizzare in studio una serie di sculture, dando vita al ciclo fotografico The Erratics (wrest), che le ritrae: «Ho cominciato gradualmente a scavare piani e forme in massi di gesso raccolti lungo la costa meridionale dell’Inghilterra – racconta – modellandoli verso il bidimensionale, verso la stampa fotografica, lavorando con le loro forme naturali e contro di esse».

La parola wrest (togliere) indica proprio l’azione del portar via, sia in senso materico che figurato, portar via qualcosa da un luogo o un concetto da un contesto.

Darren Harvey-Regan, The Erratics (wrest 4)

Darren Harvey-Regan, The Erratics (wrest #4), 2015, stampa cromogenica, 50x40cm. Courtesy the artist and Galleria Passaggi, Pisa

«All’interno di questo gesto – e nell’interazione e sovrapposizione tra apparenze e processi, di cui si compongono le opere presenti in mostra – vedo una tendenza a tratti verso l’astrazione, a tratti verso l’empatia, dipende. [...] È come se qualsiasi uso della fotografia non potesse essere fissato in un punto particolare dello spettro definito da Worringer, ma oscillasse continuamente ora una direzione ora nell’altra», conclude Harvey-Regan.

Un movimento dello Spirito che si riflette nel processo che lo ha condotto a realizzare le due serie fotografiche. Un occhio che pone su uno stesso piano le rocce che recano l’impronta della Natura e quelle che portano i segni dell’Uomo, l’esser dentro una condizione e l’osservarsi; l’oscillare tra il vivere l’esperienza e oggettivarla, in un incessante movimento che non riesce a trovare posa.

Darren Harvey-Regan, The Erratics (wrest 2)

Darren Harvey-Regan, The Erratics (wrest #2), 2015, stampa manuale su carta baritata, 75x60cm. Courtesy the artist and Galleria Passaggi, Pisa

Galleria Passaggi, via Garofani 14 | Pisa
The Erratics
Darren Harvey-Regan

18 aprile – 27 giugno 2015

Inaugurazione sabato 18 aprile, ore 18.00
Ingresso libero

www.passaggiartecontemporanea.it

Twitter del.icio.us Digg Facebook linked-in Yahoo Buzz StumbleUpon

Comments are closed.