Scurrilità stile Colorado in salsa toscana

di Simona M. Frigerio e Luciano Uggè

Sapore irrancidito anni 80, omofobia, sessismo e battute da cabaret televisivo per la chiusura di Stagione di Teatro Era. Forse sarebbe stato meglio salutare il pubblico dalle vette di Pennac.

Forse, non essendo toscani, una certa goliardia ci risulta estranea. Ma, ci spiace doverlo ammettere, non riusciamo a spiegarci perché una sede teatrale, storica e blasonata come Teatro Era, abbia deciso di chiudere la propria Stagione 2013/2014 con Zona Torrida. Una serie di sketch da cabaret televisivo infarciti di luoghi comuni, battute machiste, volgarità omofobiche, con tre macchiette – al posto dei personaggi – che esprimono tipi convenzionali, forse in voga sul finire degli anni 70, ma ormai svuotati di senso.
Tra continui epiteti, quali “maiala” per definire le rispettive mogli, e volgari rimandi all’omosessualità, lo spettacolo lascia con l’amaro in bocca.
Da Teatro Era ci aspettiamo ben altro.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Era

Parco Jerzy Grotowski
giovedì 24 aprile, ore 21.00

Zona Torrida
di Donato Sannini e Daniele Costantini
adattamento e regia Andrea Kaemmerle e Riccardo Goretti
con Andrea Kaemmerle, Riccardo Goretti e Adelaide Vitolo
produzione Guascone Teatro

Twitter del.icio.us Digg Facebook linked-in Yahoo Buzz StumbleUpon

Comments are closed.