Martedì 8 aprile a La Città del Teatro di Cascina arriva Del bene, del Male

Comunicato stampa

Martedì 8 aprile, alle ore 21.00, arriva a La Città del Teatro lo spettacolo laboratorio di Stefano Cenci che prevede, oltre a un cast fisso – la Compagnia Tardito/Rendina e Dimensioni Parallele Teatro – guest star locali quali I Sacchi di Sabbia, Zaches Teatro, Riccardo Goretti, Teatro Inbiliko, e oltre 50 performer.

Del Bene, del Male è uno spettacolo sulla fine del pensiero occidentale. Sulla fine del mondo per come lo conosciamo. Sulla chiusura di un ciclo, di un’epoca. Non è una favola. È sotto gli occhi di tutti, da decenni.
La scena rappresenta una sala da cerimonie di uno sfarzoso palazzo. Pareti con tessuti damascati rossi, pavimenti di marmo, tende dorate e rifiniture bianche. Emanuela Dall’Aglio – conosciuta al grande pubblico anche per gli eccentrici costumi della Compagnia della Fortezza – firma, non a caso, la scenografia e gli abiti.
Nell’aria una musica consolante e piacevole. La padrona di casa, algida, impassibile ma cordiale accoglie il pubblico. Camerieri in frac curano i dettagli, versano champagne, riempiono di fiori l’arredo, volteggiano sorridenti con la leggerezza di Fred Astaire. Stanno preparando la sala per accogliere gli ospiti invitati a celebrare il rito, la festa, il Capodanno, l’addio.
Lungo le pareti rosse della stanza si muove furtivo un personaggio abat-jour, in cerca perenne della sua collocazione. Altrove striscia lungo il muro un personaggio quadro. In giro per la platea cerca il suo posto una vecchia carampana con un’enorme parrucca e il biglietto in mano. Vestita, ingioiellata si è mischiata al pubblico. Ogni tanto sussurra: «Io sono pericolosa… sono misteriosa…».
Del Bene, del Male è uno spettacolo/evento strutturato per gironi. Ogni girone è caratterizzato dall’ingresso di nuovi personaggi. I primi a entrare saranno gli ospiti (Girone: Vivere come se non ci fosse un domani), vestiti di chiaro, elegantissimi, impeccabili. Colti, belli, parlano del bello, citano i classici, amano la vita e colgono l’attimo. Più tardi entreranno altri personaggi, ancora più nobili, aristocratici, più sgangherati, distorti, rigidi e clowneschi anche dei primi. Hanno vestiti verdi, azzurri, blu, oro, divise militari, tanti gioielli (Girone: E la nave va). Persino il popolo è invitato alla festa (Girone della merda) vestito di nero e di marrone, con tanti inserti di pelliccia ed oro, con le facce dei buoni, ma senza esserlo. Poi entrano i comici con scatole di cartone al posto della testa a intrattenere gli invitati con il piacevole rito del teatro (Girone: Cuori di cartone).
Man mano che ci si addentrerà nello spettacolo i personaggi saranno sempre più grotteschi, astratti, allegorici, fino a comporre un carnevale esilarante e, infine, straziante, che sia rappresentazione di tutta la nostra cultura e di tutte le sue declinazioni. Del nostro bene e del nostro male.
Nell’ultimo girone (Girone: Le 120 giornate di Disneyland) si consumerà una festa sfrenata e orgiastica, dove il piacere, il divertirsi, il consumarsi, saranno il motore di una danza indiavolata, la fine dell’anno che si schianta con la mezzanotte, il conto alla rovescia; e sulla scena una massa di figure e figurine da red carpet, e noi poveri cristi, e le icone della nostra cultura classica e pop, da Einstein a Schettino, da Medea al Grande Fratello, dal politico alla soubrette fino alla donna delle pulizie, da Marilyn a Dart Fener, passando per Spiderman e Mao Tse Tung.
Tutti in prima classe per l’ultima tratta delle nostre esistenze, per celebrare la fine di una storia (la nostra) danzando sulle macerie di quel che siamo stati, con l’autodistruzione come mito, ed esorcizzando con il riso la paura del salto verso l’inevitabile ignoto.

Lo spettacolo andrà in scena:
La Città del Teatro
via Toscoromagnola, 656 – Cascina (Pisa)
martedì 8 aprile, ore 21.00
Del Bene, del Male
di Stefano Cenci
scene e costumi Emanuela Dall’Aglio
con la Compagnia Tardito/Rendina e Dimensioni Parallele Teatro
e con la partecipazione straordinaria de I Sacchi di Sabbia, Zaches Teatro, Riccardo Goretti, Teatro Inbiliko, e oltre 50 performer

Twitter del.icio.us Digg Facebook linked-in Yahoo Buzz StumbleUpon

Comments are closed.