Category Archives — "Pis’Arté"

Pis’Artè | Chi ama la Luna non si accontenta.

È il 24 dicembre 1967. La scrittrice Anna Maria Ortese, autrice del romanzo Il mare non bagna Napoli, con cui ha vinto il Premio Viareggio, è angosciata dal nuovo mondo tecnologico, che da una decina di anni trova rappresentazione nelle sonde e nei satelliti artificiali che solcano lo spazio. Sulle pagine del Corriere della Sera ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | Poesia senza barriere

Nel 2010, nelle aule universitarie di Firenze, alcuni studenti confrontano le proprie differenti esperienze. Scoprono che la passione per la poesia li accomuna, e decidono di dar vita a un movimento che portasse le parole dove sono le persone. Da allora può capitare di incontrare la poesia dove meno te lo aspetti: nella cassetta della ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | Il fiume parla di Architettura, percorsi in mostra tra teoria e prassi.

Perché è importante definire cosa sia o debba essere l’Architettura? Definire il campo di una ‘disciplina’ è utile a definire il ruolo di coloro che la praticano, in questo caso la figura dell’Architetto. Come sempre alcune indicazioni possono essere tratte dall’etimologia del termine. Scopriamo allora che “Architettura” deriva da “Architetto”, dalla parola greca ἀρχιτέκτων (architéktōn) ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | Fenomenologia della Fine: anabasi di un beauty hunter.

Lo storytelling è una metodologia che usa la narrazione per inquadrare gli eventi della realtà e spiegarli secondo una logica, al fine di “mettere ordine” e di dare un senso attivo alle esperienze. Le sue procedure narrative sono finalizzate alla promozione di valori e idee, sia come strumento di comunicazione delle esperienze, sia come interpretazione ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | Szymborska: la gioia di leggere.

Lo sguardo del bambino sulla realtà è per sua natura esente da determinate preoccupazioni. Dove percepiamo pericolo, sovente, quell’ingenua incoscienza che gli è propria gli consente di vedere opportunità. E’ questa una forma di creatività che l’educazione, le convenzioni sociali, e una certa esperienza del vissuto fa dimenticare poco a poco. E’ un ‘universo’ che ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | ‘Volesse il Cielo’, POP tra canonico e underground

Passeggiando per Borgo Stretto, immagino vi sia capitato di essere attratti da quegli artisti dall’aspetto nomade che disegnano sul pavimento dei loggiati. Sovente i soggetti sacri rappresentati sono tratti dalla pittura rinascimentale. Questi artisti di strada sono conosciuti come ‘madonnari’. In campo musicale questo appellativo assume un altro significato: così si identificano i ‘patiti’ della ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | Tutti vogliono il Laocoonte

E’ il 1980 e Sara Terracini è in procinto di discutere la sua tesi di laurea in Storia dell’arte. Durante le sue ricerche su Michelangelo, si imbatte in una scoperta che ha dell’incredibile. La studentessa è a conoscenza che, da qualche parte, esistono documenti in grado di provare la paternità del Laocoonte: misteriosi bozzetti per ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | Noi siamo le nostre storie: la bottega e la favola.

di Enzo Lamassa Ogni epoca, feconda per le arti, fonda le proprie basi su un robusto sistema culturale. Terreno fertile ove individui e gruppi trovano possibilità e mezzi per esprimere le proprie idee e tradurle in azioni e opere. In questo senso, nonostante disparità e incongruenze, talvolta incomprensibili, la nostra è un’epoca relativamente feconda. Lo ...

vai all'articolo →
Il quaderno perduto di Pirandello | Pisa Book Festival

di Enzo Lamassa Venerdì mattina, prima di recarmi all’inaugurazione del Pisa Book Festival, ho postato, sul mio profilo Facebook, una delle mie solite stupidaggini: “Il Libro_Monodose, si!: il libro che, dopo aver voltato pagina, se tornaste indietro la trovereste bianca, e così via quelle precedenti. Poi, il Libro_Labirinto: quello che, se tornaste indietro, trovereste il ...

vai all'articolo →
Pis’Artè | Loggia dei Banchi: la cura per il tempo nella ‘Mostra mercato di piccolo antiquariato’

L’attenzione che la nostra epoca dimostra per gli oggetti è testimoniata dal livello di consumo che ne facciamo. Non ricordo chi l’abbia scritto, ma come dare a torto a chi ha affermato che il livello di ricchezza di una società si misura dalla spazzatura che produce? E’ questa una bella contraddizione: da una parte ci ...

vai all'articolo →
Page 2 of 3«123»